ASSOCIAZIONE TURISTICA E CULTURALE S'ARCHITTU

 TERRITORIO
 ITINERARI
  STORIA E ARCHEOLOGIA
 EVENTI A S'ARCHITTU

IL SISTEMA DELLE TORRI COSTIERE NEL LITORALE DI CUGLIERI

La rete difensiva delle torri costiere contro le incursioni barbaresche è stata consolidata e completata nell’arco di un ventennio dal 1591 al 1610, durante la dominazione spagnola, recuperando anche torri realizzate nei secoli precedenti.
Le torri erano poste in linea visuale tra loro per poter comunicare mediante segnali ottici.
Da Capo Mannu a Bosa le torri erano 11 mentre su tutta la costa della Sardegna erano oltre 100. Il sistema fu dismesso pochi anni dopo l’unità d’Italia.

L'ubicazione delle torri era imposta sia dalla natura della costa che dalla presenza di importanti centri rivieraschi. Le torri, disposte in punti strategici, permettevano di scrutare ampi tratti di mare; ciascuna di esse comunicava visivamente con le due adiacenti.
Oltre ai fuochi segnaletici costituiti da fiamme o fumate, ci si avvaleva dell'uso di segnali acustici prodotti da corni e campane, secondo un codice prestabilito.

Nella carta l'ubicazione delle tre torri nel territorio di Cuglieri e le due torri limitrofe.
Torre di Cabu Nieddu
Torre di vedetta realizzata nel periodo 1572 – 1580 a 68 metri di quota, in comunicazione visiva con le torri di Pittinuri e di Foghe.
La torre, a pianta circolare, si sviluppava in un volume troncoconico. La struttura è in pietrame vulcanico, cementato con malta di calce.
Già a metà del 1700 la torre non era più inserita nelle relazioni sullo stato del sistema difensivo, per il suo stato di abbandono.

Torre Pittinuri
è stata costruita (1578 – 1580) sullo sperone calcareo di S. Caterina a m. 28 sul livello del mare, con vista sulle torri di Capo Mannu, Scab 'e Sai, Su Puttu e Capo Nieddu.
La struttura è realizzata in arenaria calcarea con inserti di lava vulcanica. La camera di vedetta, con volta a cupola, provvista di ingresso sopraelevato e di quattro feritoie strombate verso l'interno, contiene una cisterna quadrata e un vano scala (a chiocciola) per l'accesso al terrazzo.

Nel periodo Sabaudo la torre è minutamente descritta nella relazione del 1767 del Ripal.

Torre di S.ta Caterina di Pettinuri - Alcaide... d'an. 54, serve aii 8, mesi 7 e ne' Re^.ti Sicilia e Sardegna anni 16 Soldati 2... 46... 23
Questa torre è situata al libechio tiene d'ampiezza 1 trabucco e 9 piedi
Canone del calibro di 6,1
Cugni di mira 2, Polvere libre 50
Palle per il d.to canone 17
Tiraborro per il canone con il suo battibale 1
Spontoni a manico 1

Questa torre necessita:
Polvere libre 50
Un spingardo e palle per il detto spingardo
Una lanata col suo cuchiaro di rame
Battibala 1, Canochiale 1
Spontoni a manico 2, Bilancia 1, barile per acqua 1, Carta per far cartochi fogli 25
Pietre per gli fucili 20
Questa torre ha la sua provvisione di pietre e legno minuto per far fuochi
Questa torre e' distante da «quella di Fuoghe ore 3 a cavallo
Torre Su Puttu
Costruita nel 1580 si eleva a 18 sul livello del mare sul promontorio che chiude a sud la baia di S'Archittu, consentendo la vista delle torri di Capo Mannu, Scab 'e Sai e Pittinuri.
La torre a pianta circolare e volume troncoconico, presenta una camera sopraelevata con volta a cupola, accessibile da un ingresso all'altezza della cornice decorativa.
Nel 2002 la torre è stata interessata da un intervento di restauro da parte della soprintendenza ai Beni Ambientali; successivamente sono intervenuti ulteriori crolli.

Per la loro posizione avanzata nel mare, al fine di favorire le segnalazioni a vista, le torri sono costruite in genere su promontori o su capi, costituendo quindi forti elementi del paesaggio costiero.



ATC S'ARCHITTU, VIA LUNGOMARE 39 CUGLIERI